Il WelfareInformazioneStoria

Bene comune: il welfare quotidiano attraverso la politica

Costruire e difendere le comunità locali

Sua maestà il territorio

Il mondo moderno ha costruito tecnostrutture imponenti, quella realtà definita da Weber “gabbia d’acciaio”. Non si tratta solo del capitalismo o turbo capitalismo che dir si voglia, ma, insieme, del monstrum burocratico che, attraversata l’Europa militarizzata per almeno un paio di secoli, ha trovato casa nell’Ue, l’ultimo baluardo neo-sovietico a tutt’oggi adorato quanto, se non più, del vitello d’oro di biblica memoria.

La globalizzazione è un fascio di processi destinati ad autoalimentarsi, controllando tutto ciò che circola tra la parte bassa e la parte alta dell’uomo, dai bisogni elementari fino alle vette dello spirito. Tutto è preda di questa macrostruttura di controllo. La creatura nuova scaturente da questa propaggine avanzata di strutturalismo del potere e disgregazione del soggetto è la “società del controllo” (Gilles Deleuze). Il governo dell’emergenza pandemica, caso serio di un controllo generatore, per essenza, di caos, è la cartina di tornasole di questa realtà.

Speranza progettuale

In questo mondo privo di centro e, ad un tempo, totalizzante, ciò che può ancora suscitare motivi e occasioni di oggettive di speranza progettuale è il territorio. Una vera e propria soggettività politica, refrattaria a ogni pulsione orientata all’addomesticamento ideologico. In sé, il territorio è tutto e, nello stesso tempo, meno del possibile: tutto ciò che serve agli uomini per metter su famiglia, tirar su la prole, vivere, lavorare e possibilmente prosperare insieme agli altri; meno del possibile, perché ciò che in nuce alberga in esso deve essere ricercato ed estratto dalla terra come un minerale prezioso.

Per far ciò, è necessaria la politica come forma umana sommamente espressiva della cultura e dell’ethos di un popolo. Un popolo è politicamente segno profetico di speranza se – e solo se – diventa una comunità di destino.

Aiutare a fare contro il neogiacobinismo costruttivista

L’economista del bene comune, Genovesi

La politica non è solo Stato. Essa è tutto ciò che serve all’uomo per essere protagonista nella società. Non si dà primato della politica senza la stabile e creativa presenza di corpi intermedie nella società. Il Novecento ideologico ha separato la forza politica dalla creatività sociale, ma è il peccato originale della politica in quanto tale. Il pensiero cattolico sociale ha spiegato chiaramente ciò.

Una politica così concepita deve, dunque, aiutare a fare, non blindare gli orizzonti esistenziali ed etici, legati alla responsabilità personale, facendo calare dall’alto bonus e/o direttive, che sono poi due facce della stessa medaglia.

La lezione della Dottrina sociale della Chiesa (da ora in poi: DSC), da Leone XIII a Benedetto XVI, passando per la vasta e geniale produzione di Giovanni Paolo II, è ancora la via maestra che conduce al realismo politico. Un realismo politico nutrito di significati vitali, naturaliter orientati al bene comune.

La Flat tax è un segnale politico-sociale, prima ancora che esclusivamente economico-fiscale, originato dalla visione etico-politica sopra esposta, legata al DSC e al realismo politico.

La questione fiscale, infatti, è sempre, in sé, una questione etico-politica e, di conseguenza, culturale. E non vi è cultura che, per affermarsi, non debba definire un’idea di uomo e di società. Così da stringere, ancora una volta, quel nodo originario che lega il “culto” (cultus) alla “cultura”.

Raffaele Iannuzzi

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button